Da qualche anno è stato avviato dall’Unione Europea e dalla Consob un lungo lavoro di analisi e certificazione delle piattaforme dei broker opzioni binarie che operano nel trading online.

Si tratta di un’importante passo per la tutela dei trader; i regolamenti evitano possibili truffe, l’uso improprio dei dati e del denaro investito, e infine possibili ed immotivate perdite di soldi.

Dal 2012 esiste un regolamento pubblicato dalla Consob che obbliga tutti i broker che operano nel settore a disporre di autorizzazioni e licenze rilasciate dalle autorità competenti; tuttavia, sono ancora presenti sul web molte piattaforme non ancora certificate in quanto l’iter da affrontare è ancora lungo e complicato.

Broker opzioni binarie chiusi dalla Guardia di Finanza

Ti consigliamo vivamente di scegliere sempre broker opzioni binarie autorizzati, che saranno di conseguenza affidabili, seri, competenti e trasparenti al 100%; hai la possibilità di controllare sul sito della CySEC la lista, aggiornata quotidianamente, dei broker chiusi per inadempienze.

Devi sapere che sia la CySec che la Guardia di Finanza effettuano controlli quotidiani che hanno portato alla chiusura di importanti piattaforme quali ioption, bocapital, tradesmarter e startoptions.

A seguire analizzeremo nello specifico tutte le autorizzazioni di cui deve disporre un broker.

logo cysec e consob

Consob e broker opzioni binarie

La Consob, meglio conosciuta come Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, è l’ente italiano che si occupa di controllare il settore bancario e finanziario.

Ogni broker, nel caso abbia sede all’estero, può iscriversi alla Consob attraverso un passaporto MiFID, mentre se la piattaforma di trading ha sede in Italia, allora potrà registrarsi alla Consob tramite una licenza operativa.

Nello specifico il 2 luglio 2012, la Consob ha pubblicato un importante decreto:

Si sono diffuse nel mercato operazioni (“opzioni binarie” o “opzioni digitali”) che presentano una struttura simile a quella di una scommessa […] Come indicato dalla Commissione Europea, le cosiddette opzioni binarie, strumenti finanziari derivati regolati con moneta contante, sono considerabili strumenti d’investimento di cui all’Allegato 1, sez. C della direttiva 2004/39/Ce (“MiFID”): da ciò, tutte le società che vogliono prestare servizi di investimento aventi ad oggetto opzioni binarie verso il pubblico (italiano) devono essere dotati della necessaria autorizzazione rilasciata dalle competenti Autorità.

Con i suoi cinquecento impiegati e funzionari operativi tra la sede di Roma e quella di Milano, la Consob, il cui presidente in carica è attualmente Giuseppe Vegas, ha diversi compiti importanti:

  • La regolamentazione dei servizi finanziari di investimento così come le offerte di prodotti finanziari rivolte agli investitori
  • Il controllo delle aziende che gestiscono i mercati; la Consob controlla che vi sia massima trasparenza e un giusto svolgimento delle negoziazioni
  • Il controllo del comportamento d’intermediari o promotori finanziari
  • Le sanzioni, nel caso ce ne sia bisogno, ai soggetti vigilanti
  • La verifica delle informazioni offerte dalle società quotate o di chi promuove offerte di strumenti di tipo finanziario
  • Accertamenti sui contratti dei titoli quotati, sull’abuso di notizie privilegiate, aggiotaggio o sulle possibili manipolazioni di mercato

Broker opzioni binarie e Cysec

La CySEC, meglio conosciuta come Cyprus Securities and Exchange Commission, è l’ente di Cipro che si è proposto per primo di regolamentare i mercati finanziari. L’agenzia, che ha annunciato le sue intenzioni il 4 maggio 2012, ha ricevuto l’approvazione da parte della Commissione Europea.

Nello specifico la CySEC si occupa della supervisione e del controllo di tutte le operazioni che avvengono nei mercati finanziari, delle società che operano nel settore, delle compagnie quotate in borsa e di tutti i broker forex e di opzioni binarie.

Quando la CySEC, durante i suoi controlli, riscontra inadempienze, impone sanzioni amministrative e disciplinari alle piattaforme che non hanno rispettato i regolamenti.

MiFID la normativa sui broker opzioni binarie

La MiFID, meglio conosciuta come Markets in Financial Instruments Directive, è una normativa europea che si occupa dei mercati finanziari comunitari.

Questa direttiva, che fa parte della FSAP, ovvero il Piano di Azione per i Servizi Finanziari, prevede che tutti i broker operativi sul web posseggano innanzitutto le licenze richieste, e che siano trasparenti con i propri trader su condizioni, interessi, funzionalità offerte, etc.; le piattaforme di trading devono consentire all’investitore di avere ben chiaro quali sono i vantaggi che potrebbe trarre e quali sono i rischi a cui potrebbe andare incontro.

logo-ufficiale-broker-24option

Deposito minimo:$100
Trade minimo:$24

Conto demo: Sì
Leggi la Recensione

iscriviti-ora 2

topoption logo ufficiale

Deposito minimo:$10
Trade minimo:$1

Conto demo: Sì senza Deposito
Leggi la Recensione

iscriviti-ora 2

*Gli investitori possono perdere l'intero capitale